Cos'è un orto botanico

Un orto botanico è un ambiente naturale ricreato artificialmente che raccoglie una grande varietà di piante categorizzate per scopi scientifici o per l’educazione dei visitatori. 

Un orto botanico può quindi essere inteso come un “laboratorio” da impiegare per la ricerca scientifica, ma anche per la didattica e la divulgazione. Una sorta di museo di storia naturale all’aperto; un luogo dove ammirare specie di fiori e di piante, la cui conservazione è l’obbiettivo primario.

E’ d’uso utilizzare il termine “giardino botanico” come sinonimo, anche se taluni considerano quest’ultimo come un ambiente prettamente ricreativo piuttosto che di studio e ricerca.

Orto botanico di Padova, noto anche come Giardino dei Semplici (Orto dei Semplici). Il giardino fu fondato nel 1545. Sullo sfondo si vede la basilica di Sant’Antonio. Fonte: Commons.Wikimedia

Inizialmente aveva nome di “orto dei semplici”. La parola semplici era usata per definire le erbe medicinali. Si trattava pertanto di un orto per la coltivazione delle erbe e delle piante medicinali, spesso posto nei pressi dell’infermeria di un convento o monastero. Nel silenzio delle abbazie, i monaci si dedicavano, così, alla ricerca delle erbe e alla loro coltivazione nei giardini claustrali. I “semplici”, ossia le piante officinali, furono per secoli (ma lo sono ancora oggi) il fondamento della terapia medica. 

E’ assai controversa la questione su chi per primo contribuì alla creazione del primo orto botanico “moderno”. Alcuni ritengono sia stata opera di papa Niccolò III che nel 1277 fondò in Vaticano un vasto giardino, il “Viridarium novum”, un reparto del quale venne adibito per la coltura di piante medicinali. Secondo altri, invece, il primo “orto botanico” si deve a Leone X e a Leonardo da Vinci che diedero vita, sempre in Vaticano, all’orto dei semplici. Per interessamento dello stesso Leone X fu poi istituita, a Roma, la cattedra di Botanica (1513).

In un orto botanico, ogni pianta è contrassegnata da un cartellino nel quale vengono riportati due termini latini seguiti da una o più abbreviazioni. Nel loro insieme, queste parole indicano l’ appartenenza della pianta. In dettaglio: la prima parola latina, con l’iniziale maiuscola, indica il “Genere” della pianta; mentre la seconda, indica a quale “Specie” quella pianta appartiene. Questo modo di identificare le specie vegetali (ma anche animali) viene chiamata “Nomenclatura binomiale“.

Un cartellino esplicativo può contenere molte altre informazioni, come il nome volgare della pianta, la provenienza, l’habitat .. ma anche una sua particolare caratteristica oppure, ancora, all’uso che l’uomo tradizionalmente ne fa.

 

MENU

Cos’è un orto botanico 

Giorni di apertura:

Orari di apertura:

Supporta il Progetto

Nel cuore della Carnia stà nascendo il primo parco notturno d’Italia. Un sentiero che snodandosi nella foresta combina le bellezze di madre natura con uno spettacolo di luci, suoni e sorprese.